• Ricetta anti crisi: accelerare il processo di Bologna per la crescita in Europa

    La ricetta anti crisi strutturale per un’ Europa che voglia davvero conseguire gli obiettivi di crescita fissati dalla strategia europea per il 2020,  è quella di accelerare il processo di Bologna, studiando nuovi formati e quadri finanziari, per consentire alle Università e, di conseguenza,  agli studenti percorsi di eccellenza adeguati alle sfide che il Vecchio Continente potrà affrontare con gli altri Paesi extraeuropei”. Così in una nota,  le dichiarazioni dell’ on. Marco Scurria, europarlamentare e Capogruppo del Partito Popolare europeo in Commissione Cultura ed Istruzione del Parlamento europeo.

    “La creazione di uno Spazio europeo aperto dell’ istruzione superiore costituisce un primo importante risultato che vede in campo un’ ampia filiera istituzionale a garanzia dell’ attuazione dell’ ambizioso percorso avviato dal processo di Bologna. Per essere competitivi e raccogliere la sfida di un mondo globalizzato – conclude l’ on. Scurria –  è necessario rendere i titoli accademici comparabili e realizzare un’ effettiva mobilità per gli studenti, gli insegnanti ed i ricercatori, eliminando ostacoli e burocrazie.  Soltanto favorendo ed incoraggiando la formazione permanente anche a livello imprenditoriale,   promuovendo l’equità, la coesione sociale e la cittadinanza attiva una nuova Europa potrà affacciarsi senza paura al traguardo del 2020″.

Comments are closed.