• Fortunatamente Erasmus è salvo!

    Il progetto Erasmus ha da sempre favorito l’acquisizione della capacità di relazionarsi dei nostri ragazzi, proiettandoli in una dimensione europea. Nonostante le dichiarazioni allarmistiche del commissario europeo al Bilancio, Janusz Lewandowski in merito alla scarsità dei fondi a disposizione, la Commissione europea ha scelto, responsabilmente, di salvare il progetto Erasmus. Non dimentichiamo che negli ultimi anni si è registrato un incremento degli universitari che hanno colto l’opportunità di studiare all’estero grazie ai fondi stanziati per il programma. Dobbiamo coltivare nuove energie in grado di affrontare al meglio le sfide che ci attendono in un mercato sempre più competitivo. L’Erasmus è stato, e sarà sempre più, lo strumento principale per una reale integrazione europea, vista la sua dimensione essenzialmente giovanile ed universitaria. Occorre migliorare la qualità e la possibilità di accesso al progetto ma rimane uno strumento formidabile per costruire un´Europa che non sia solo banche e spread.

Comments are closed.