• logo1

    Incontro con i cittadini

    Incontro con i cittadini per parlare di agricoltura e sviluppo

  • Sulla Pac il parlamento Ue rimedia a danni Ciolos

    Il voto del Parlamento Europeo sulla nuova Pac rimedia a molti dei danni contenuti nella proposta legislativa originaria del Commissario Ciolos. Una Pac meno burocratica, più moderna e orientata alla produzione. Con un’importante azione abbiamo salvaguardato produzioni fondamentali per l’Italia come vino, riso e olio. Abbiamo drasticamente ammorbidito le previsioni iniziali sul greening che, pur rimanendo un punto molto critico, con il voto di oggi diventa un pagamento aggiuntivo e non obbligatorio, dal quale saranno esclusi tutti quegli agricoltori che sviluppano pratiche agro-ambientali. Sul fronte delle dotazioni finanziarie, abbiamo già ottenuto una importante riduzione dei tagli ai contributi per l’Itala. Ora ci aspettiamo che il Consiglio, anche a seguito del voto di oggi a Strasburgo sul bilancio pluriennale 2014-2020, riveda i tagli e garantisca alla nuova Pac un adeguato stanziamento.

  • Pac, un passo avanti su riforma agricola

    In Commissione Agricoltura sono stati votati a larga maggioranza gli 8mila emendamenti sulla riforma della politica agricola comune. E’ un passo in avanti rispetto all’originaria proposta di riforma perché tra le principali novità contenute nei testi approvati, è riscontrabile una maggiore sensibilità alle mutate esigenze dell’agricoltura europea, anche se restano aperte numerose criticità per l’Italia. Inoltre è previsto un adeguamento finanziario per continuare a garantire la sicurezza dell’approvvigionamento di alimenti di alta qualità per i cittadini dell’Unione europea e consentire agli agricoltori di proteggere meglio l’ambiente. Auspico che si proceda per rispondere concretamente alle esigenze degli agricoltori sia a livello europeo che nazionale.